Torres1903.com

  Menu
· Home
· Archivio notizie
· Articoli
· Campionato
· Forums
· Links
· Memorie rossoblù
· Meteore
· Profilo Utente
  Utenti online
Nickname
Password

Registrati

Iscrizione:
Ultimo: INDIANS1968
Nuovi oggi: 0
Nuovi ieri: 0
Complessivo: 966

Online:
Visitatori: 86
Iscritti: 0
Totale: 86
  Le prossime
Nessun calendario delle partite

Personalizza

[ p r i m a    p u n t a t a ]



   Contrariamente a quanto si pensa la prima partita di calcio (o di foot-ball come si chiamava all'epoca ) disputata dalla Torrres avvenne proprio nell'anno della sua fondazione e non nei primi anni 10. Anzi, fu proprio il calcio la prima disciplina disputata dalla gloriosa società rossoblu, infatti la data del primo incontro è quella del 14 aprile del 1903, avversaria l'Amsicora Cagliari, mentre l'inizio delle altre discipline è datato 1° luglio 1903, quando alla neonata società rossoblu venne assegnata la palestra comunale.

   I colori rossoblù della nostra gloriosa squadra, vennero adottati in seguito ad un sondaggio fatto all'epoca della costituzione della società, i soci fondatori cercavano una divisa di gala, ne vennero messe in esposizione tre modelli presso il negozio Ferrucci in piazza Azuni e a riscuotere maggior successo fu una giacca blu a doppio petto con risvolti rossi.

   Il primo vero allenatore della Torres arrivò solo nel 1931, prima di allora a guidare la squadra rossoblu furono soprattutto ex atleti con qualche conoscenza tecnica e tanta buona volontà ma nulla di più. Questo convinse l'allora presidente del sodalizio sassarese, il Cavalier Diez, ad assumere un vero mister professionista che rispondeva al nome di Francesco Plemich, ungherese di nascita e buon giocatore nella Triestina di Rocco. Fu il primo allenatore ad insegnare ai calciatori anche la tattica, oltre ai fondamenti del gioco, introducendo il "metodo" (un modulo di gioco assai in voga all'epoca) al posto del classico "palla avanti e pedalare".

   La Torres detiene un piccolo record, è stata infatti la prima squadra a calciare un rigore a due. Nella partita Torres-Olbia di Coppa Italia di serie C del settembre del '74, Marco Piga è incaricato di battere un penalty, ma incredibilmente anziché tirare in porta, passa la palla in avanti (come consentito dal regolamento) al gemello Mario che batte l'ex di turno Planetta che rimane esterrefatto! Di questa clamorosa giocata si contano soltanto altre tre esecuzioni: una dell'Ajax (con Crujff protagonista), una dall'Arsenal nella scorsa stagione e un'altra che vede ancora due torresini protagonisti. E' il 7 novembre del 1982 quando Francesco Sanna, anziché tirare, passa la palla a Tonio Trudu che insacca alle spalle del portiere del Grosseto; curioso il fatto che sia contro l'Olbia che contro il Grosseto il punteggio finale sia stato il medesimo, 5-1 per i nostri colori.

   Il minimo di spettatori registrato sulle tribune dell'Acquedotto è di 50 spettatori, l'incredibile dato negativo risale alla trentaduesima giornata del campionato di C2 del 1983/84. I rossoblu oramai tagliati fuori da tutti i giochi di classifica affrontano il 20 maggio un'avversaria destinata alla retrocessione, la Cerretese, per di più allo scarso richiamo dell'avversaria di turno si aggiunge la caduta per tutta la giornata di una pioggia torrenziale, così il pubblico sassarese decide di starsene seduto in poltrona e per i pochi presenti sugli spalti oltre al freddo si aggiunge anche la beffa della sconfitta per 1-0 della Torres.

   La Torres è una delle pochissime società italiane ad aver calcato i campi di tutte le regioni della penisola, ed è tra l'altro l'unica che è riuscita a compiere questo piccolo record militando al massimo in serie C. La regione meno "visitata" dalla nostra squadra è la Basilicata, dove l'unica presenza in campionato risale al campionato di IV serie del 1953/54, in quell'occasione i rossoblu fecero visita al Monticchio Potenza e vennero sconfitti dai padroni di casa per 2-0. Nella regione lucana i rossoblu tornarono poi in visita nel 1992, quando il 14 giugno vennero sconfitti a Maratea per 3-2 dopo i tempi supplementari nella finale della Coppa Italia Dilettanti dai lombardi del Quinzano.

Redazione Torres1903.com




Engine PHP-Nuke - Powered by WL-Nuke
Generazione pagina: 0.09 Secondi