Torres1903.com

  Menu
· Home
· Archivio notizie
· Articoli
· Campionato
· Forums
· Links
· Memorie rossoblù
· Meteore
· Profilo Utente
  Utenti online
Nickname
Password

Registrati

Iscrizione:
Ultimo: INDIANS1968
Nuovi oggi: 0
Nuovi ieri: 0
Complessivo: 966

Online:
Visitatori: 54
Iscritti: 0
Totale: 54
  Le prossime
Nessun calendario delle partite

Personalizza

[ t e r z a    p u n t a t a ]



    Nel 1926 a Sassari la Torres affrontò l'Amsicora in amichevole e perse inaspettatamente per 3 a 0. La tifoseria rossoblu non digerì la sconfitta ed a fine gara aggredì i giocatori ospiti (Aiello, Miorin, Aldo e cesare Fradelloni vennero feriti seriamente) mentre facevano rientro in albergo al termine dell'incontro. Lo stesso albergo fu piantonato dai carabinieri fino al mattino successivo, quando scortano la squadra cagliaritana fino alla stazione per poter prendere il primo treno utile.

    Il primo aprile del 1928, nel Campionato Sardo di calcio, si giocò Cagliari-Torres. Sul 2 a 1 per i sassaresi l'arbitro assegnò un rigore ai padroni di casa che prima provocò accese discussioni e poi degenerò in rissa. Molti spettatori invasero il terreno di gioco, la situazione era esplosiva. Intervennero Enrico Endrich (che rappresentava sia il Podestà che il Federale di Cagliari) e Lare Marghinotti (Federale di Sassari) avvisando i giocatori che il loro comportamento sarebbe stato punito. Il gioco riprese dopo una lunga interruzione, le squadre erano decimate dalle espulsioni e dalle conseguenze fisiche della rissa. Per questo motivo la gara venne considerata "amichevole" ed in fase di omologazione fu data vinta alla Torres.

    La Torres è riuscita a tenere inviolato l'Acquedotto per ben 2 anni e 8 mesi consecutivamente. La serie positiva, durata addirittura 43 partite, iniziò il 16 aprile del 1978 quando il Calangianus sbancò il campo sassarese per 1-0, da allora i rossoblu conquistarono 27 vittorie e 16 pareggi prima di cadere il 14 dicembre nel 1980 contro il Carbonia che vinse grazie ad un gol di Piras al 52°.

    Vedere una partita sospesa all'Acquedotto per impraticabilità del campo è un fatto più unico che raro, se ne contano infatti solo due episodi. La prima volta accadde il 23 dicembre del 1945 nel campionato di prima divisione sarda, la Torres ringraziò il maltempo (perdeva per 1-2 contro l'Ozierese) che costrinse l'arbitro Ruggeri di Cagliari a sospendere l'incontro al 32° minuto, nel recupero disputato tre mesi dopo, i rossoblu si imposero per 2-0.

    Un evento simile lo si deve attendere ben 47 anni, il 14 ottobre del 1992 con i rossoblu opposti ai laziali del Cinthya di Genzano nella prima giornata del secondo turno della Coppa Italia di serie D. Un violento acquazzone costrinse il sig. Tullio di Avezzano a mandare le squadre negli spogliatoi dopo 25 minuti di …non gioco visto che il campo era ridotto ad una piscina. Anche allora il rinvio portò bene perché poi nella ripetizione i ragazzi allenati da Zolo si imposero per 1-0 guadagnando l'accesso al turno successivo.

    A proposito di sospensioni, a parte quelle appena citate per maltempo, a Sassari se ne contano altre due nel 1974 per le ben note invasioni di campo, contro Sambenedettese e Lucchese, ed un'altra che invece è durata solo 4 minuti ma che ha destato parecchio divertimento tra i presenti. Stiamo parlando dell'11 maggio 1998, la Torres affronta il Castel San Pietro e gioca una delle tante partite da cani di quell'annata, forse proprio per questo un husky di nome Dago si trova in dovere di entrare in campo, inseguito da giocatori ed inservienti non abbandona il terreno di gioco sin quando non decide di fare i propri bisogni "innaffiando" i pali della porta difesa dal portiere ospite Finucci.

    Capita spesso di vedere le squadre in campo ridotte in inferiorità numerica per qualche espulsione nel corso della partita, ma è davvero raro vedere una squadra iniziare la gara con un uomo in meno. L'insolito fatto capitò in un Torres - Quartu del 1947, i rossoblu infatti si ritrovarono di fronte gli avversari scendere in campo con soli 10 uomini. Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, ciò non rese le cose più facili ai nostri, che vinsero fortunosamente la gara solo per 1-0, il gol partita venne realizzato da Zonza quando al fischio finale mancavano appena 7 minuti.

    La serie negativa peggiore della Torres è datata 1989/90, i rossoblu impegnati in serie C1 rimasero per ben 26 partite (7 mesi) senza assaporare un successo. La serie nera iniziò proprio alla prima giornata con il ko di Giarre per 1-0, si contarono in tutto 16 pareggi e 10 sconfitte con un cambio di mister (Leonardi al posto di Specchia) prima di esultare per il primo successo che arrivò contro il Brindisi con un netto 5-0. A fine stagione si contarono appena 4 vittorie che comunque valsero un'insperata salvezza con un solo punto di vantaggio sulle dirette concorrenti. Questa serie negativa superò la precedente che era datata 1972/73 e che si fermò a 16 risultati negativi ( 9 pareggi e 7 ko), a spezzare l'incantesimo iniziato con la sconfitta di Giulianova e durato "appena" 4 mesi fu il successo col Livorno per 1-0 firmato da Morosi. Curiosamente anche in quella stagione la salvezza arrivò per un solo punto ai danni della Viterbese ed ovviamente fu necessaria la sostituzione in panchina di Colomban con Vanni Sanna per condurre i rossoblu alla permanenza in serie C.

Redazione Torres1903.com




Engine PHP-Nuke - Powered by WL-Nuke
Generazione pagina: 0.08 Secondi