Torres1903.com

  Menu
· Home
· Archivio notizie
· Articoli
· Campionato
· Forums
· Links
· Memorie rossoblù
· Meteore
· Profilo Utente
  Utenti online
Nickname
Password

Registrati

Iscrizione:
Ultimo: INDIANS1968
Nuovi oggi: 0
Nuovi ieri: 0
Complessivo: 964

Online:
Visitatori: 42
Iscritti: 0
Totale: 42
  Le prossime
Nessun calendario delle partite

Personalizza
 «Non accetto gli insulti»

Ennas Roberto

Amarezza. E’ il sentimento che prova Roberto Ennas dopo aver lasciato la Torres. E’ andato via senza sbattere la porta, parlando in modo chiaro alla squadra nello spogliatoio di Tortolì, dopo una sconfitta difficilissima da metabolizzare.



«Non ne potevo più di fare da parafulmine a certe situazioni - commenta dopo aver avuto modo di riflettere qualche giorno - Già eravamo partiti con una programmazione così così la scorsa estate, ma questa volta la cosa che più mi ha dato fastidio e non aver visto riconosciuto il lavoro fatto. La presunzione non mi è mai appartenura e non sono certo una persona che non si mette in discussione, ma non posso accettare la volgarità e gli insulti. E’ davvero troppo». L’ex allenatore della Torres si riferisce a quanto accaduto domenica durante la partita, quando dagli spalti sono piovute al suo indirizzo parole non proprio gentili. «Non è questo il modo di costruire - si sfoga -, così si rende tutto più difficile. Non mi va di parlare di chi mi ha preceduto (Fiori ndr), anche se lui non è stato altrettanto carino con me, ma non ho difficoltà a dire che ho trovato una squadra in condizioni fisiche devastanti. Ed è meglio che mi fermi qui». Viene da chiedersi perchè Ennas ha accettato di tornare sulla panchina della Torres dopo l’esonero di qualche mese fa. «Mi sono fatto prendere dal cuore - confessa - I ragazzi sono venuti a trovarmi, dicendomi che mi avrebbero aiutato. Ho detto sì e sono stato tradito proprio da loro. Nel calcio i risultati sono l’ago della bilancia e io mi sono assunto le responsabilità perchè voglio bene a questo club. La Torres farà i playoff e li vincerà». In molti hanno pensato che i cattivi rapporti col presidente Lorenzoni fossero la causa principale dell’addio. «E hanno sbagliato - ribatte Roberto Ennas - Ultimamente le cose andavano bene, tutto rientrava nella sfera del rispetto. C’era un patto con lui, anche se qualche volta ha provato a intromettersi nelle scelte. Gli ho sempre detto che potevo dargli qualsiasi spiegazione, ma che non avrei mai accettato imposizioni. E da questo punto di vista non ho nulla da dire. E’ anche venuto a trovarmi in settimana, ricordandomi del patto. Gli ho risposto che non c’erano più i presupposti per continuare». C’è qualcuno che ha remato contro? «Non credo, anche se da qualche giocatore aspettavo di più. Lo ripeto, la cosa che mi ha devastato dentro sono stati gli insulti ricevuti. Accetto tutto, quando resta nei limiti del confronto, quando invece si sconfina nella volgarità, allora è meglio togliere il disturbo». La Torres sta facendo una grande fatica a tornare in una categoria più consona al suo blasone. A Lorenzoni va dato il merito di essersi assunto l’onere di gestire la società, di aver investito cifre importanti, di pagare puntualmente i rimborsi spesa. «Ma non è sufficiente - dice Ennas - Manca un progetto e quando tre anni fa dissi che senza sarebbe stato difficile ricostruire, sono stato preso per pazzo. Le basi per tornare tra i professionisti non ci sono e il futuro resta un’incognita». Ma la serie D è un tragurdo possibile? «Lo spero - conclude Roberto Ennas -, anche se la Torres è una buona squadra a cui manca la cattiveria agonistica».

Roberto Muretto - La Nuova Sardegna



 
  Links Correlati
· Inoltre Ennas Roberto
· News by canessa


Articolo più letto relativo a Ennas Roberto:
Ennas: «Stop alle polemiche, è il momento di festeggiare»

  Valutazione Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente

  Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli Anonimi, registrati

Re: «Non accetto gli insulti» (Voto: 1)
di Zagor il Giovedì, 03 marzo @ 08:34:43 CET
(Info Utente | Invia un Messaggio)
Insulti? Io non ho sentito insulti ma solo una contestazione, che è una cosa ben diversa. "Ennas vaiddinni", "Ennas torraddinni alla Woman", "Ennas pari chi sei aisittendi lu tram". Questi solo gli INSULTI. Al contrario, posso dire di aver sentito parole ben più pesanti nei confronti di alcuni giocatori. Premesso che chi paga il biglietto può applaudire o dissentire con fischi e insulti, allora se tutti quelli che vengono contestati dovessero lasciare il campo....beh, non resterebbe nessuno. Per l'ennesima volta si vanno a cercare i tifosi come se fossero loro i responsabili di un risultato vergognoso, perchè è giusto dire che domenica non era una gara decisiva, altrimenti perdere con una delle squadre peggiori avrebbe provocato ben altra reazione, altro che insulti! La squadra era assente mentalmente, carente di grinta e palle, del resto se lo stesso Ennas dice "la Torres è una buona squadra a cui manca la cattiveria agonistica", dovrebbe riflettere sul fatto che certe cose deve trasmetterle l'allenatore. Comunque voltiamo pagina anche se il solito quotidiano ed il solito Muretto dovevano dare spazio e titoloni per gettare l'ennesima passata di merda, giusto per confermare la loro linea.



Re: «Non accetto gli insulti» (Voto: 1)
di Torresinodoc il Giovedì, 03 marzo @ 10:58:49 CET
(Info Utente | Invia un Messaggio)
Intervista estremamente squallida: Programmazione così così? in effetti 2 settimane di ritiro con hotel, ristorante e piscina non sono abbastanza, forse aveva bisogno del ritiro in Trentino x far qualche risultato I tifosi insultano? problema di qualsiasi addetto ai lavori, chi paga il biglietto ha il diritto di contestare, sempre e comunque; allora i giocatori avversari di qualunque squadra non dovrebbero manco cominciare la carriera, sai quanti insulti ti becchi durante le partite.. Non è sufficiente pagare gli stipendi in anticipo perché manca il progetto? Ma allora se già lo sapeva perché accettare l'incarico? Mi sembra la solita storia tra due amanti che si sono lasciati e uno dei due meschino parla male e racconta tutti i difetti dell'altro infarcendo la storia di una marea di cazzate.. Sotto il profilo umano ha tutto da imparare da mister Fiori, che ha mostrato classe da vendere dopo l'esonero. I veri uomini si vedono nei momenti difficili, a Ennas mancano gli attributi e benché non vi fosse bisogno di una controprova con questa intervista ha fugato ogni dubbio...



Re: «Non accetto gli insulti» (Voto: 1)
di UNO il Giovedì, 03 marzo @ 11:09:45 CET
(Info Utente | Invia un Messaggio)
1 - relativamente alla critica per squadra "poco cattiva" sorvoliamo, sarebbe come sparare sulla croce rossa (un mister che parla sottovoce agli allenamenti, e che da disposizioni ai giocatori chiedendo le cose "per favore" si commenta da solo). 2 - Senza il pagamento delle spettanze fino a giugno non si sarebbe mai dimesso. RISULTATO: GLI INSULTI LI MERITA ORA.



Re: «Non accetto gli insulti» (Voto: 1)
di Marco85 il Giovedì, 03 marzo @ 11:37:51 CET
(Info Utente | Invia un Messaggio)
Sorvolando sulla pochezza delle motivazioni data dal sig. Ennas , che faceva meglio a non accettare, e sul tentativo di cercare un colpevole nei tifosi, mi soffermo su un fatto abbastanza strano : Fiori venne alla Torres e disse che trovò una squadra fisicamente a pezzi, e ora lui dice le stesse cose dopo che Fiori se ne andato? Verità o semplice vendetta verso Fiori?



Re: «Non accetto gli insulti» (Voto: 1)
di over36 il Giovedì, 03 marzo @ 14:00:33 CET
(Info Utente | Invia un Messaggio)
Personalmente Ennas continua a deludermi ,dopo l'ennesima intervista ( la nuova non si smentisce mai nel buttare merda su merda ,soprattutto quando le cose non vanno bene..) fa capire quanti limiti ha il Sig.Ennas , questa intervista va contro ribattuto punto su punto ,dalla preparazione estiva ,alla inesistente contestazione(le vere contestazioni son ben altre che nemmeno lui conosce), per terminare alle dimissioni con la busciaccare piena.. ma per non scendere nelle solite polemiche ,c'è solo da tenergli a mente che i risultati deludenti che lui ha ottenuti sono la controprova che come mister ha fallito (perlomeno con i colori rosso blu),sempre con il dovuto rispetto di quel calciatore che fù ,rispetto che i tifosi le han sempre dato e che ora lui li rinnega in maniera poco signorile.



Re: «Non accetto gli insulti» (Voto: 1)
di Micciola il Giovedì, 03 marzo @ 16:24:30 CET
(Info Utente | Invia un Messaggio)
...da non credere,....non pensavo mai che Roberto dicesse cose del genere e sputasse su tutti noi.........ah,...ecco che escono le sue radici maurre!



Re: «Non accetto gli insulti» (Voto: 1)
di serrot1903 il Giovedì, 03 marzo @ 18:28:16 CET
(Info Utente | Invia un Messaggio)
Incredibile che Roberto Ennas,per giustificare le sue dimissioni, dia la colpa a quei tifosi che a Tortoli' lo hanno contestato.Sinceramente non me lo sarei mai aspettato,io in quel di Tortoli' c'ero e queste frasi volgari ed ingiuriose non le ho proprio sentite. Contestazioni si e per quasi tutta la durata della gara, ma ci mancherebbe altro che non le avesse ricevute visto che la squadra stava perdendo contro un avversario che schierava quattro fuori quota e che era nettamente inferiore a noi.Io credo invece, che il buon Roberto (buono come uomo,ma come allenatore....)si sia reso conto che continuando con quella media il presidente lo avrebbe licenziato in tronco. Ed allora, buttando fango verso la tifoseria, ha inventato una scusa meschina ed ha tolto il disturbo.E mi dispiace veramente quando parla di mancata progettazione e di progetto per costruire qualcosa di importante.Se fosse vero,allora non avrebbe dovuto accettare la guida della squadra ne prima ne poi. Un ultima considerazione : Se tutti gli addetti ai lavori sentensdo le contestazioni si dovessero dimettere il calcio chiuderebbe battenti.Penso agli arbitri,agli allenatori ,ai presidenti,ma lui che e' stato uomo di calcio e ottimo attaccante mi fa questi discorsi dopo che nei campi di calcio ne ha sentito e visto di tutti i colori?: Ajo' Robe', non zi pigliemmu pa lu curu!!!



Re: «Non accetto gli insulti» (Voto: 1)
di turritano il Giovedì, 03 marzo @ 19:24:46 CET
(Info Utente | Invia un Messaggio)
Il sig. Roberto Ennas avrebbe fatto meglio di risparmiarsele certe frasi espresse nei confronti dei nostri tifosi, i quali hanno soltanto espresso il loro disappunto per la condotta deludente della squadra, ma per favore...



Re: «Non accetto gli insulti» (Voto: 1)
di 24anniultras il Giovedì, 03 marzo @ 20:06:43 CET
(Info Utente | Invia un Messaggio)
muretto infamone,



Re: «Non accetto gli insulti» (Voto: 1)
di Gamon il Giovedì, 03 marzo @ 22:10:16 CET
(Info Utente | Invia un Messaggio)
SEMPLICEMENTE UN BUFFONE!!!!



Re: «Non accetto gli insulti» (Voto: 1)
di TRIOMG il Giovedì, 03 marzo @ 23:18:13 CET
(Info Utente | Invia un Messaggio)
SI SCONFINA NELLA VOLGARITA'....CAZ CALCI NEL CULO CI SAREBBERO VOLUTI.....A TUTTI E PER TUTTI....AJO ROBE'.....LA COSA MIGLIORE E TACERE, PER CARITA'.....QUEST' INTERVISTA E' UN INSIEME DI CAZZATTE CHE TANTO SONO CARE A QUELLA TESTA DI CAZZO DI MURETTO...GIUSTO PER GETTARE UN PO DI MERDA SULLA TORRES.....



Re: «Non accetto gli insulti» (Voto: 1)
di bardelpampa il Venerdì, 04 marzo @ 14:29:02 CET
(Info Utente | Invia un Messaggio)
Come calciatore tanto di capello per attaccamento alla maglia, ma come allenatore speravo fosse meglio di quello che si è rivelato......una delusione, IMPALPABILE.



Re: «Non accetto gli insulti» (Voto: 1)
di REDandBLU il Lunedì, 07 marzo @ 13:07:50 CET
(Info Utente | Invia un Messaggio)
finalmente hanno ritrovato uno di quei quattro ubriaconi.... http://www.repubblica.it/persone/2011/03/07/foto/sbornia_glaciale_salvato_sulla_lastra_di_ghiaccio-13285074/1/?ref=HRESS-2






Engine PHP-Nuke - Powered by WL-Nuke
Generazione pagina: 0.15 Secondi