Torres1903.com

  Menu
· Home
· Archivio notizie
· Articoli
· Campionato
· Forums
· Links
· Memorie rossoblù
· Meteore
· Profilo Utente
  Utenti online
Nickname
Password

Registrati

Iscrizione:
Ultimo: INDIANS1968
Nuovi oggi: 0
Nuovi ieri: 0
Complessivo: 964

Online:
Visitatori: 70
Iscritti: 0
Totale: 70
  Le prossime
Nessun calendario delle partite

Personalizza
  Enrico Curcio carica la Torres

Rassegna stampa

«Non poter dare una mano ai compagni è stato tremendo». Enrico Curcio, domenica scorsa non era in campo nella prima sfida per la promozione in serie D, contro il Trestina. Da squalificato il centrale difensivo della Torres ha seguito la partita dalla tribuna insieme agli altri due out, Cadau e Piga.



«E abbiamo sofferto moltissimo - dice ancora Curcio - perchè volevamo esserci, in una partita così importante. E’ stata una partita difficile, contro una squadra bene organizzata e con una eccellente difesa. Insomma, non sono mancate le difficoltà ma siamo stati bravissimi a crederci sino alla fine e il gol del nostro capitano ha comunque rimesso le cose a posto».
- Ma cosa è mancato domenica scorsa alla Torres nella partita di andata, cosa non ha funzionato?
«Credo che la lunga sosta ci abbia fatto perdere il ritmo partita. Tre settimane senza giocare sono tante, anche se abbiamo lavorato molto bene. Loro invece avevano giocato la domenica prima e sono apparsi più brillanti».
- Anche l’indisponibilità di giocatori importanti è stato un fattore significativo nella prestazione della squadra.
«Sicuramente. Al mister è mancata la possibilità di qualche alternativa. Però voglio dire che chi ha giocato ha dato tutto. Soprattutto i nostri giovani meritano un applauso perchè si sono battuti alla grande in una partita difficilissima. Ora, in Umbria andiamo al completo e sarà sicuramente un’altra Torres».
- Lei ha qualità ed esperienza per rientrare da protagonista. E di playoff se ne intende. Ne ha giocati tanti in carriera, i più significativi con l’Avezzano in serie D e col Benevento in C2. Come vede l’approccio alla gara da parte della Torres?
«Dobbiamo essere bravi a far capire subito ai nostri avversari la nostra forza e la nostra volontà di vincere la partita. Il Trestina, lo ripeto, è una buona squadra ma non la dobbiamo temere anche se va rispettata».
- Cosa c’è da temere di più da questo Trestina?
«Ripeto, nessun timore. Loro sono bravi nei raddoppi e nelle ripartenze, quindi dobbiamo stare attenti a non concedere spazi, a non dargli la possibilità del contropiede. E poi, credo che domenica ci daranno una mano importante e magari decisiva i nostri tifosi che ci seguiranno in Umbria. Loro sanno darti una spinta formidabile».
- Domenica riprenderà il suo posto al centro della difesa sassarese a fianco di Vittorio De Carlo, ricostituendo una coppia di difensori centrali di sicura affidabilità. Non vede l’ora di giocare.
«Sto fremendo, voglio dare tutto per centrare un obiettivo che abbiamo dimostrato di meritare».

Daniele Doro - La Nuova Sardegna



 
  Links Correlati
· Inoltre Rassegna stampa
· News by canessa


Articolo più letto relativo a Rassegna stampa:
Sfida d'altri tempi

  Valutazione Articolo
Punteggio Medio: 5
Voti: 1


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente

  Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli Anonimi, registrati




Engine PHP-Nuke - Powered by WL-Nuke
Generazione pagina: 0.09 Secondi