Torres1903.com

  Menu
· Home
· Archivio notizie
· Articoli
· Campionato
· Forums
· Links
· Memorie rossoblù
· Meteore
· Profilo Utente
  Utenti online
Nickname
Password

Registrati

Iscrizione:
Ultimo: INDIANS1968
Nuovi oggi: 0
Nuovi ieri: 0
Complessivo: 966

Online:
Visitatori: 85
Iscritti: 0
Totale: 85
  Le prossime
Nessun calendario delle partite

Personalizza
 La Torres regala un punto al Muravera

Rassegna stampa

Un tempo regalato agli avversari, una bella ripresa, poi la doppia beffa nel giro di 60 secondi. Torres-Muravera si è decisa a dieci minuti dalla fine quando, con i sassaresi in vantaggio per 1-0, Spinola ha commesso un fallo e ha rimediato un (evitabilissimo) cartellino rosso.



Sulla punizione di Marco Nieddu, il capitano Salvatore Bruno è stato il più rapido ad avventarsi sul pallone e a scaraventarlo in rete bruciando Tore Pinna in uscita. Una doccia gelata per la Torres e un jolly per gli ospiti che sembravano rassegnati alla sconfitta e hanno festeggiato con qualche eccesso di troppo (verò Lulù?) che il pubblico del Vanni Sanna non ha gradito. Fino ad allora la gara era stata monotona al limite della noia nel primo tempo, più combattuta nella ripresa con i padroni di casa pimpanti come la settimana scorsa a Sorso e meritatamente avanti con un capolavoro di Spinola. Le due squadre si sono affrontate con due piccole novità rispetto alle formazioni ipotizzabili alla vigilia. Tortora ha mandato in campo Chessa al posto di Merenda al centro della difesa e ha sacrificato Sarritzu nel ruolo di mezz'ala dietro al tridente composto da Chelo, Diouf e Spinola. Oliveira non si è fatto cogliere impreparato e ha chiesto a Mirko Onano di sistemarsi davanti ai quattro difensori per fare da cerniera tra la retroguardia e il centrocampo. In attacco hanno giocato Marco Nieddu e Katim El Hadji.Le scelte di Lulù hanno pagato perchè la Torres ha faticato a trovare spazi e Sarritzu non è quasi mai riuscito a saltare l'uomo (una delle sue specialità) per creare la superiorità numerica cercata da Tortora. Tra l'altro i rossoblù sono sembrati scarichi e per tutto il primo tempo hanno ciondolato per il campo agevolando il compito dei serrabesi. Le uniche occasioni da gol sono arrivate sugli sviluppi di una punizione battuta da Piga, con Scioni che ha sparacchiato fuori, con lo stesso Sciuoni su un bel traversone di Spinola e con Buba rimpallato in angolo quando le lancette dell'orologio segnavano già il 45'. Il Muravera si è fatto vivo dalla parti di Pinna con un colpo di testa di Nieddu finito alto e con una punizione dello stesso centravanti che non ha trovato lo specchio della porta.Nella ripresa la musica è cambiata perchè i rossoblù sono tornati in campo con ben altro piglio. Spinola ha cominciato a far male sulla corsia di sinistra e la difesa ospite è andata in affanno. Al 13' un cross di Scioni ha trovato Chelo pronto alla girata ma la palla ha centrato la base del palo. Due minuti dopo Piga ci ha provato con un tiro dalla distanza che non ha sorpreso Floris. Al 16' il Muravera è capitolato. Spinola si è fatto largo al limite dell'area e ha lasciato partire un tiro di destro che il portiere ospite ha toccato ma non è riuscito a trattenere. Sembrava fatta anche perchè i sassaresi hanno continuato a giocare in scioltezza sfiorando in almeno due occasioni in gol della raddoppio. Prima con Spinola - splendido il suo slalom in area - , poi con una fucilata di Piga respinta in angolo. Lulù ha allora deciso di cercare rinforzi in panchina e gli andata bene. Al 35' Spinola ha sgambettato un avversario alle spalle e l'arbitro gli ha mostrato cartellino rosso. La punizione è stata battuta da Nieddu con il pallone scaraventato dalle parti di Salvatore Bruno. Il capitano ha saltato indisturbato e ha scavalcato Tore Pinna con un tocco che ha rovinato il pomeriggio del pubblico accorso al Vanni Sanna. Nel finale i padroni di casa hanno tentato di riprendersi la partita ma il Muravera si è difeso con ordine tenendosi stretto il punto che cercava.

L'amarezza dei rossoblù: «Una gara buttata via»
Aria bassa tra i rossoblù, anche se la partita non si è persa. Ma l'occasione per distanziare una diretta concorrente nella corsa ai playoff sì, ed è questo che dispiace. «Abbiamo raccolto solo un punto - commenta Sandro Scioni - nonostante le tante occasioni costruite. Abbiamo anche subito poco, ma è bastato per trasformare la vittoria in un pareggio. Peccato, potevamo dare un altro segnale importante al campionato e non ci siamo riusciti. L'impegno c'è stato, è andata così....». Dopo il vantaggio sembrava fatta, invece in un attimo tutto è cambiato: espulsione di Spinola e gol incassato. Il centrocampista annuisce con amarezza: «Da quel momento la gara è tornata in salita, contro avversari ben messi in campo che soprattutto nel primo tempo ci hanno creato difficoltà. Abbiamo cercato di allargare il gioco sulle fasce ma non era semplice sfondare la loro barriera difensiva, però anche in dieci potevamo farcela e ci abbiamo provato. Siamo delusi - aggiunge Scioni - ma non demoralizziamoci, ci aspetta un'altra partita importante in casa e cercheremo subito di rifarci. Io sarò squalificato, come Spinola e Spanu, ma chi ci sostituirà sarà comunque all'altezza». C'è rammarico anche nello sguardo e nelle parole di Michele Chelo, che rincorre ancora il suo primo gol in rossoblù. Stavolta ci è andato proprio vicino, «ma il palo ha detto no, la palla non vuole proprio entrare», dice l'attaccante, sottolineando che «non segnare non è un assillo, prima o poi andrà bene. C'è stata un po' di sfortuna, per me e per la squadra, ma la mentalità è quella giusta e il gioco lo abbiamo sempre condotto noi, contro un Muravera che ha dimostrato di valere la sua classifica. Siamo dispiaciuti ma accettiamo il risultato - conclude Chelo - e andiamo avanti». Di ottimo umore è invece Salvatore Bruno, capitano degli ogliastrini e autore della rete del pari. «Siamo stati bravi a pareggiare appena passati in superiorità numerica, con un gol non casuale ma cercato e nato su schema. Sapevamo che sarebbe stata una gara di sofferenza su un campo sempre difficile, contro una Torres che ha nei suoi tifosi l'uomo in più. Dovevamo star chiusi e approfittare dei loro errori, bravi a non aver mai mollato e dedico il gol a Chiara, la figlia di un dirigente scomparsa un anno fa che per me era una sorella. Aspettavo un'occasione come questa per ricordarla».

Tortora: «Peccato, ma guardiamo avanti». Lulù: «Gran carattere»
Rammaricarsi o accontentarsi? E' sereno Pino Tortora quando scende in sala stampa. Il mezzo passo falso della Torres lo avrà sicuramente deluso ma il tecnico, con molto realismo, accetta il risultato. «Abbiamo conquistato un punto - dice l'allenatore rossoblù - che possiamo considerare accettabile. Certo, dopo aver sbloccato il risultato sembrava fatta, invece siamo stati duramente puniti in seguito a una sciocchezza che si poteva evitare. Però, credo che questo pari non sia del tutto da buttare via». «Abbiamo cercato la vittoria con grande determinazione e ci siamo andati vicino, non siamo stati molto fortunati col palo colpito da Chelo e in altre occasioni. Resta la prestazione - aggiunge Tortora - che credo sia stata buona. D'altra parte la partita l'abbiamo fatta sempre noi e ci è mancato solo il raddoppio. Adesso guardiamo avanti perchè il campionato resta equilibrato e partite così possono sempre capitare». Lulù Oliveira, allenatore del Muravera, ha ritrovato la calma dopo un pomeriggio molto agitato in panchina anche perchè, come previsto, la curva rossoblù ha ricordato al brasiliano di non essere proprio gratissimo a Sassari. «Ci sono abituato - sorride il tecnico -, eppure qui al nord ho tanti amici. E poi, i fischi e gli insulti mi caricano al massimo. Per quanto riguarda la partita devo dire che me l'aspettavo proprio così, difficile contro una squadra importante e in crescita». «Credo - ha continuato Oliverira - che il risultato sia giusto. La lotta per i playoff continuerà sino alla fine e anche noi, con Torres e Samassi vogliamo essere protagonisti. Oggi abbiamo dimostrato di aver i mezzi tecnici e caratteriali per provarci».

Il Tabellino:
TORRES: Pinna, Casu, Spanu Scioni, Minutolo, Chessa, Sarritzu, Piga, Chelo (44' st' Merenda), Spinola, Diouf. Allenatore Pino Totora.
MURAVERA: Floris, Zugliani (26' st. Madeddu), Lampis, Massesi, Onano (15' st Legname), Bruno, Saraji, Satta (34' st. Diaz), Nieddu, Boi (15' st. Gueye), El Kakji. Allenatore Lulù Oliveira.
ARBITRO: Ibba di Cagliairi.
RETI: 16' st. Spinola, 35' st. Bruno.
NOTE: Ammoniti Spanu, Scioni, Spinola e Diouf della Torres e Saraji del Muravera. Espulso Spinola per gioco falloso. Angoli 10-1 per la Torres. Recupero 1' e 4'. Spettatori 800 circa (la trasferta era vietata ai tifosi residenti nella provincia di Cagliari). Serata fredda, campo pesante ma in buone condizioni.

Antonio Ledà, Sandra Usai e Daniele Doro - La Nuova Sardegna



 
  Links Correlati
· Inoltre Rassegna stampa
· News by canessa


Articolo più letto relativo a Rassegna stampa:
Sfida d'altri tempi

  Valutazione Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente

  Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli Anonimi, registrati




Engine PHP-Nuke - Powered by WL-Nuke
Generazione pagina: 0.08 Secondi