Torres1903.com

  Menu
· Home
· Archivio notizie
· Articoli
· Campionato
· Forums
· Links
· Memorie rossoblù
· Meteore
· Profilo Utente
  Utenti online
Nickname
Password

Registrati

Iscrizione:
Ultimo: INDIANS1968
Nuovi oggi: 0
Nuovi ieri: 0
Complessivo: 964

Online:
Visitatori: 90
Iscritti: 0
Totale: 90
  Le prossime
Nessun calendario delle partite

Personalizza
 Caccia ai finanziamenti per salvare il Vanni Sanna

Rassegna stampa

Blasone e calcinacci, rimpianti e possibilità. Cade a pezzi il vecchio Acquedotto, abbandonato a se stesso da lustri e specchio di una città che non sa valorizzare i suoi tesori. Ma fa intravedere anche cosa, con interventi dal costo tutto sommato ragionevole, potrebbe diventare.



Interventi che l'amministrazione si dice pronta a mettere in campo, o andando di nuovo a caccia di fondi regionali e statali, magari connessi alla ricostruzione post-Covid, o aprendo alla collaborazione con i privati.Parola del vicesindaco Gianfranco Meazza, che ieri mattina insieme alla IV commissione presieduta da Giommaria Ventura, ha girato in lungo e largo il malandato "Vanni Sanna", annotandone pregi, difetti e criticità. «Negli ultimi cinque anni - ha chiosato Meazza - su questo impianto non è stato messo un euro. Negli ultimi 10 poco più di 600mila, tirati fuori quando la Torres venne promossa in Lega Pro e si dovette procedere ai frettolosi adeguamenti. A mancare è stata la manutenzione ordinaria, e questo ha causato danni straordinari, che ora dobbiamo trovare il modo di riparare».Modo che potrebbe essere contenuto nel progetto "Stadio Covid-free" annunciato dal presidente della Torres Salvatore Sechi. Che, nei giorni scorsi, ha incontrato il sindaco Nanni Campus e, dopo avergli chiesto per l'ennesima volta la gestione diretta dell'impianto, ha proposto di riaprire la "gradinata" e riportare la capienza dello stadio a 10mila posti, da ridurre poi a 5mila a distanza anti-Covid. Il tutto contenuto in un progetto esecutivo delle manutenzioni, che la società rossoblù presenterà a Palazzo Ducale la prossima settimana. «Aspettiamo le "carte" dai fruitori dell'impianto - ha commentato Meazza - per esaminarle insieme. Non chiudiamo a nessuna soluzione».Ed effettivamente, mentre si salta dai buchi della copertura della tribuna, al prato di fatto irrecuperabile, facendo lo slalom tra immondizia e calcinacci, quasi tutti restano sorpresi nell'apprendere che la storica gradinata, seppur decadente e abbandonata, in realtà non ha nessun problema strutturale. È stata chiusa semplicemente per far calare la capienza e con essa le stringenti prescrizioni dell'allora decreto Pisanu: tornelli e telecamere, vie di fuga e dispositivi di sicurezza. «Per rimetterla in piedi insomma basterebbero interventi di manutenzione ordinaria - chiede Mariolino Andria - e tutto lo spazio usato potrebbe essere guadagnato per avere un impianto sicuro per il Covid». «Che potrebbe anche - gli fa eco Mariano Brianda - ospitare eventi non solo sportivi, anche con grandi numeri. E tornare ad essere finalmente un punto di riferimento per la città». Spiccioli di brain storming in cui assessore, dirigente, tecnici e commissari si esercitano mentre passeggiano nella storica curva Nord, e da lì scendono negli spogliatoi inondati dall'acqua delle ultime piogge e invasi dalla muffa. «Il problema - spiega il dirigente del Settore - è che molti lavori sono stati fatti in fretta e furia nell'estate del 2013, con soluzioni spesso non condivisibili, che non hanno comunque risolto i problemi alla radice». E dunque negli spogliatoi continua a piovere dentro, e umidità e muffa mai "trattati" sgretolano i muri. I bagni della curva, e anche sotto la gradinata, ci sono, ma sono abbandonati, vandalizzati, chiusi. Il tetto della tribuna coperta ha un collaudo del 2015, e nessuno scommette sul fatto che ne passerebbe un altro senza importanti interventi. L'area caldaie fa rifatta, così come l'impianto di illuminazione e le vie di fuga. E l'elenco potrebbe continuare a lungo, come in qualunque edificio che da 10 anni non vede manutenzioni né interventi. Le soluzioni: «Le troveremo - chiude Meazza - è una priorità».

Sechi: «Datecelo in gestione, ci pensiamo noi»
«Accogliamo con favore l'impegno del Comune di Sassari nei confronti dello stadio "Vanni Sanna". Abbiamo richiamato più volte l'attenzione sulla struttura e in questo momento è necessario fare fronte ai lavori non più procrastinabili per mettere lo stadio in sicurezza e farci trovare pronti per qualsiasi decisione che sarà presa dalla Federazione sul prossimo campionato della Torres». Così una nota ufficiale della Torres, che "blinda" gli impegni presi ieri mattina dal Comune sulla ristrutturazione dell'Acquedotto, e ribadisce di essere pronta a fare la sua parte.«In un incontro in Comune avvenuto nei giorni scorsi - informa la Torres - il presidente della Torres Salvatore Sechi ha ribadito al sindaco di Sassari Nanni Campus e all'assessore ai lavori pubblici Meazza, la necessità di un progetto di manutenzione e sistemazione dell'impianto "Vanni Sanna" anche in funzione delle direttive anti Covid-19 in tema di distanziamento sociale. L'idea sottoposta all'amministrazione è quella di restituire alla Torres una gestione diretta della struttura, così come è stato all'epoca della costruzione dello stadio, negli anni '20, fino agli anni '70, quando la società fu costretta a vendere al Comune per problemi debitori». «I tecnici incaricati dalla Torres hanno già provveduto a realizzare un progetto esecutivo delle manutenzioni - spiega sechi - che sottoporremo la prossima settimana al vaglio dell'amministrazione. Si tratta di uno strumento realizzato tenendo conto delle esigenze riscontrate nel dettaglio e a seguito del quale sarebbe possibile iniziare da subito i lavori più urgenti. La gestione diretta consentirebbe di sgravare l'amministrazione da spese ordinarie e straordinarie a cui spesso si fa fronte tramite aste al ribasso in favore di ditte che non possono in tal modo assolvere puntualmente al compito, come si è potuto osservare in questi ultimi anni. Da parte del sindaco è arrivata la rassicurazione in merito all'impegno dell'amministrazione sulla struttura». Contestualmente all'attenzione sullo stadio, la Torres ha iniziato i lavori di sistemazione nella struttura Arena del Sole, in concessione alla società per 7 anni e destinata al settore giovanile rossoblù.«Ci sono molte problematiche da risolvere in un'area che era stata abbandonata per molti anni. In questo periodo di nostra gestione siamo riusciti a renderla fruibile ma ora è necessario uno sforzo ulteriore perché i lavori non possono essere più rimandati».Sistemazione spogliatoi, docce, area caldaie e ancora, tribune, aree esterne e naturalmente il terreno di gioco, che necessita di costante manutenzione.«Come è noto la Torres non ha strutture cittadine e sull'Arena del Sole le spese sono sempre state a carico della Società. Lo scorso anno abbiamo preso in affitto tutto l'anno le strutture di Usini per gli allenamenti - conclude il presidente Sechi - ma cercheremo di ultimare tutti i lavori in tempo per la ripresa dei prossimi campionati giovanili».

Giovanni Bua - La Nuova Sardegna



 
  Links Correlati
· Inoltre Rassegna stampa
· News by canessa


Articolo più letto relativo a Rassegna stampa:
Sfida d'altri tempi

  Valutazione Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente

  Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli Anonimi, registrati




Engine PHP-Nuke - Powered by WL-Nuke
Generazione pagina: 0.08 Secondi