Torres1903.com

  Menu
· Home
· Archivio notizie
· Articoli
· Campionato
· Forums
· Links
· Memorie rossoblù
· Meteore
· Profilo Utente
  Utenti online
Nickname
Password

Registrati

Iscrizione:
Ultimo: INDIANS1968
Nuovi oggi: 0
Nuovi ieri: 0
Complessivo: 964

Online:
Visitatori: 89
Iscritti: 0
Totale: 89
  Le prossime
Nessun calendario delle partite

Personalizza
 Torres, niente scherzi. Battere il Muravera per evitare il disastro

Rassegna stampa

La salvezza della Torres resta appesa all'ultima partita, in calendario domani sul campo del Muravera. Il masochismo della squadra sassarese in questa stagione non conosce confini, a giocarsi tutto nei 90' finali del torneo ci è arrivata dopo aver fallito incredibilmente in casa l'occasionissima per tirarsi in anticipo fuori dai guai.



Non sono bastate le contemporanee sconfitte delle concorrenti dirette Nola e Afragolese per dare la spinta decisiva verso il sofferto traguardo: ai rossoblù piace farsi del male da soli, con tutto il rispetto per il Lanusei che col "Sanna" continua ad avere un feeling speciale (frequenti i successi negli ultimi anni) e ha giocato la sua onesta e vittoriosa partita. Peccare di cuore, agonismo e lucidità nell'appuntamento decisivo per liberarsi dall'incubo retrocessione è stato clamoroso, nel giorno del ritorno dei tifosi allo stadio. La Torres mercoledì l'ha combinata proprio grossa, non a caso il diesse Degli Esposti dopo la sconfitta ha commentato: «È successo qualcosa di incomprensibile, siamo mancati sul piano caratteriale. Ma c'è ancora un'opportunità da sfruttare, grazie ai risultati delle rivali siamo ancora a galla».L'opportunità stavolta va colta sul serio, da squadra vera che vuole questa salvezza. Non a parole, ché troppe ne sono state dette, ma con i fatti del campo. Con palloni spediti in rete, con spirito da irriducibili. Sarà così la Torres di domani? Deve esserlo, altrimenti le conseguenze saranno devastanti e faranno rima con Eccellenza. Nessuno si illuda di possibili "favori" da parte del Muravera, che non ha più niente da ottenere se non la soddisfazione di essere la squadra sarda meglio piazzata di questo campionato. I derby isolani non sono per tradizione mai comodi per i sassaresi, non ci saranno scorciatoie per vincere e poi c'è anche un precedente che stimola l'orgoglio degli avversari. Risale al 31 gennaio 2016, quando a Sassari sui sarrebesi sono piovuti 8 gol (a zero). Un risultato mai digerito, un ricordo fastidioso che richiede sempre grande impegno per essere attenuato, stagione dopo stagione.Nonostante l'ultimo scivolone la Torres di Giorico è rimasta padrona del proprio destino: se vince resta in serie D. Retrocede la penultima in classifica, che ora è il Nola con un punto in meno e gioca a Lanusei con lo stesso obiettivo (ma gli ogliastrini promnettono di non fare sconti neppure ai campani) mentre l'Afragolese che affianca i sassaresi a quota 31 ospita il sereno Arzachena. In caso di arrivo a tre a pari punti si salva la Torres, con spareggio tra le avversarie. Sarà spareggio anche se al penultimo posto si arriva in due. Per evitare ogni rischio il risultato è obbligato: si deve vincere.

Sandra Usai - La Nuova Sardegna



 
  Links Correlati
· Inoltre Rassegna stampa
· News by canessa


Articolo più letto relativo a Rassegna stampa:
Sfida d'altri tempi

  Valutazione Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente

  Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli Anonimi, registrati




Engine PHP-Nuke - Powered by WL-Nuke
Generazione pagina: 0.10 Secondi