Torres1903.com

  Menu
· Home
· Archivio notizie
· Articoli
· Campionato
· Forums
· Links
· Memorie rossoblù
· Meteore
· Profilo Utente
  Utenti online
Nickname
Password

Registrati

Iscrizione:
Ultimo: INDIANS1968
Nuovi oggi: 0
Nuovi ieri: 0
Complessivo: 964

Online:
Visitatori: 32
Iscritti: 0
Totale: 32
  Le prossime
Nessun calendario delle partite

Personalizza
 Torres, che sfortuna. Due pali e una traversa poi la beffa finale

Rassegna stampa

Nello scontro diretto del "Marco Mazzucchi", la Torres incassa la seconda sconfitta stagionale, al termine di un match beffardo nel quale anche il pari sarebbe stato un risultato stretto. Spinta anche dai fedelissimi giunti ad Ardea, la formazione di mister Greco dimostra di essere squadra vera, imponendo da subito il proprio gioco: non a caso, il primo pericolo verso la porta di Giordani lo porta Scotto intorno al 10', con un tiro che termina a lato di poco.



Al 20' i rossoblù certificano il proprio dominio andando vicini al gol su calcio piazzato: Piredda pizzica il pallone che però si perde ancora fuori. I padroni di casa provano di tanto in tanto a spezzettare il fraseggio sardo, ma per buona parte del tempo Salvato fa da spettatore non pagante alla partita. Al 27' Scotto viene fermato sul più bello, contrastato a pochi metri da Giordani, mentre al 35' Piredda prova ancora a rendersi pericoloso, con una conclusione deviata in angolo. Sugli sviluppi dello stesso corner, Dametto prende la parte alta della traversa.Nella ripresa gli ardeatini provano a riaffermare il fattore campo, e nei primi minuti si affacciano per la prima volta, con una certa pericolosità, dalle parti dell'estremo difensore sardo. Dopo tre minuti Malano, a rimorchio, prova una conclusione che non inquadra la porta. Ma i sardi non tardano a riprendere in mano le redini del match. Al decimo i rossoblù aggiornano il conto con la sfortuna: sull'ennesimo corner, Rossi trova l'impatto col pallone che però si stampa sul palo. Nel parapiglia conseguente, nulla di fatto. Al 21' altra occasione per gli ospiti: bella azione orchestrata dall'undici di Greco, Diakite di testa colpisce in maniera sporca, col pallone che sfila sul fondo. Un minuto dopo altra mischia nell'area piccola laziale. Scotto ispira da destra, ma l'estremo difensore Giordani si ritrova la sfera tra le mani dopo un altro tentativo di sponda di Diakitè, con Lisai a pochi passi che non riesce a intervenire. A metà della ripresa la Torres cerca il definitivo cambio di marcia, accelerando le operazioni offensive alla ricerca del meritatissimo gol del vantaggio. Al 27' tiro a giro dai venticinque metri di Lisai, Giordani si accartoccia sulla sfera. I biancorossi locali si rivedono intorno alla mezzora, con Scognamiglio che però calcia alto. Nell'ultimo quarto di gara il Nuova Florida sembra voler conservare un pareggio che, ai punti, sarebbe un guadagno insperato. E invece, i laziali si ritrovano addirittura in vantaggio al 38'. La difesa sarda si fa cogliere impreparata: Renelus ruba palla e serve Moretti che si accentra e batte Salvato. La Torres, beffata, tenta di gettare il cuore oltre l'ostacolo e nel finale prova il forcing, pur concedendo il fianco alle ripartenze di marca biancorossa: al 45' i laziali si mangiano letteralmente il raddoppio con Di Bari. Nel recupero l'ultimo disperato tentativo arriva con Diakite, che in girata non trova lo specchio. È l'ultima emozione di un match perso in maniera immeritata dai sassaresi.

«Perdere così ti fa stare malissimo»
Alla delusione del tecnico romano della Torres, fa eco quella di Alessandro Masala, tra i protagonisti dell'ultimo periodo. Dopo la bella vittoria di Domenica scorsa sempre in terra laziale, per di più condita dal primo centro stagionale, ci si poteva aspettare un bis: «Il calcio è strano, fa rabbia perdere così; perché la partita la abbiamo fatta noi, abbiamo giocato nella loro metà campo, ma poi nel concludere e nel trovare il gol non siamo riusciti ad esprimerci come avremmo voluto e dovuto. Ora, possiamo solo far tesoro di questa sconfitta e guardare avanti. Dobbiamo continuare a lavorare come sempre, e per fortuna già mercoledì si torna in campo, quindo non c'è tempo per rimuginare su quello che poteva essere e purtroppo non è stato».Gli avversari hanno ottenuto il massimo, sfruttando una disattenzione. Cosa è mancato alla Torres per portare via almeno un punto dal "Marco Mazzucchi"? «Giocare in questi campi non è mai facile: oggi ci si è messa anche la sfortuna. Io penso in definitiva che le partite siano determinate dagli episodi: quella di oggi è facilmente analizzabile. Quando concludi tanto in porta e il gol non arriva; quando a dieci minuti dalla fine subisci il gol decisivo da una ripartenza, una delle pochissime occasioni che concedi. A quel punto la situazione sarebbe stata difficile per qualsiasi squadra. Però oggi la prestazione della nostra squadra c'è stata, e questo conta, soprattutto al cospetto di un'ottima avversaria come il Team Nuova Florida. E allora dobbiamo ripartire proprio dalla prestazione odierna».« Abbiamo già dimostrato di essere un grande gruppo - aggiunge Masala -, soprattutto guardando alle quattro vittorie di fila, dalle quali venivamo. Già da domani, prima della partita con il Lanusei lavoreremo ancora di più per tornare alla vittoria nell'immediato. Una vittoria che avremmo meritato anche oggi. Ma ora, l'importante è rialzare la testa e non farsi condizionare».

«È una sconfitta dura da digerire»
Al termine del match, mister Alfonso Greco non ha nascosto una certa delusione per questa sconfitta immeritata. «C'è poco da dire, è stata una partita dominata da noi; forse non siamo stati bravi a sbloccarla. E nel calcio, se non sblocchi le partite, poi avviene l'imponderabile: può capitare mezza occasione a loro, ti fanno gol, e finisce così, con una sconfitta. Perdere una partita del genere per noi è indescrivibile; forse c'è mancata cattiveria e determinazione per fare gol. Noi ci siamo impegnati per giocare sempre nella metà campo avversaria, abbiamo concesso l'unica vera ripartenza al Nuova Florida che ci ha punito. Tra l'altro, da una palla inattiva a nostro favore». Parola d'ordine: ripartire subito. Mercoledì c'è la Coppa Italia, avversario il Lanusei . «Dobbiamo ripartire proprio da questa lezione. Ovvero, bisogna imparare a non perdere, specie quando dominiamo le partite. Cerchiamo di continuare a lavorare bene e di non farci prendere dai nervosismi. Il campionato è lungo, i punti a disposizione sono tanti. Noi faremo il nostro, mantenendo sempre questa marcia».Anche il tecnico laziale Bussone riconosce l'ottima prestazione degli avversari: «Complimenti alla Torres, che è venuta qui a fare una signora gara. Probabilmente avrebbe meritato qualcosa in più, ma il calcio è fatto così. Domenica scorsa anche noi avremmo meritato di vincere con la Cynthialbalonga, e oggi la vittoria è sicuramente benvenuta».

Il tabellino:
TEAM NUOVA FLORIDA: Giordani, Oliana, Malano, Svidercoschi (43' st Di Bari), Capparella, Tamburlani, Scognamiglio (35' st Galardi), Vannucci, Contini, Baldé (23' st Moretti), Trubiani (23'st Renelus). All. Bussone.
TORRES: Salvato, Rossi, Turchet, Antonelli, Dametto, Bianchi, Masala (31' st Ruocco), Kujabi, Piredda (15' st Lisai), Scotto, Diakite. All. Greco.
ARBITRO: Balducci di Empoli. Assistenti: Marchese di Napoli e Cataldo di Frattamaggiore.
RETE: 38' st Moretti.
NOTE: ammoniti Svidercoschi, Scognamiglio (NF), Masala, Antonelli (T).

La Nuova Sardegna



 
  Links Correlati
· Inoltre Rassegna stampa
· News by canessa


Articolo più letto relativo a Rassegna stampa:
Sfida d'altri tempi

  Valutazione Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente

  Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli Anonimi, registrati




Engine PHP-Nuke - Powered by WL-Nuke
Generazione pagina: 0.15 Secondi