TORRES (DI) SASSARI
Data: Giovedì, 26 luglio @ 19:46:48 CEST
Argomento: Rassegna stampa


Nuovo direttore generale (Luciano Passirani, un ex), nuovo allenatore (Luciano Foschi, allenatore-giocatore dei cugini dell'Olbia nell'anno della promozione in C2), nuova squadra (soltanto nove i confermati).



La Torres riparte dalla rivoluzione voluta dal presidente Mascia dopo una stagione travagliata quanto deludente per una città che appena due anni fa sfiorò la serie B. Proprio quella squadra aveva una qualità che il nuovo patron, dopo aver rilevato l'eredità del club attraverso il Lodo Petrucci, vuole riproporre. La Torres dei miracoli, quella targata Antonello Cuccureddu, era la Torres dei sardi. Per la stragrande maggioranza, i calciatori erano nativi dell'isola, alcuni sassaresi purosangue. Anche questo contribuì a spingere i rossoblu verso quella semifinale play-off poi persa con il Grosseto, quei play-off che rappresentano il primo obiettivo del nuovo corso. La scrivania è affidata ad un dirigente navigato, la panchina ad un tecnico giovane ma già molto preparato. E' su queste basi che nasce la nuova Torres, una Torres di Sassari per la scelta di far vestire la maglia a calciatori che la sentano per origini geografiche e non soltanto per motivi professionali. Dove arriverà questa squadra, lo diranno soltanto il campo ed il tempo. Per ora, e a differenza di un anno fa, le idee sono chiare. Con il tempo, si potranno raccogliere i frutti, e magari tornare in quella C1 persa soltanto per i debiti accumulati dalle gestioni passate. Un occhio al bilancio, un altro alla squadra: ma con Passirani, di solito, i conti tornano. Gianni Zaccaria - TuttalaC







Questo Articolo proviene da Torres1903.com
http://www.torres1903.com

L'URL per questa storia è:
http://www.torres1903.com/modules.php?name=News&file=article&sid=2203