Torres «appesa» tra Eccellenza e serie D
Data: Lunedì, 20 giugno @ 08:22:50 CEST
Argomento: Rassegna stampa


Certezze nessuna, speranze tante, indiscrezioni e ipotesi in quantità industriale. Il futuro della Torres è ancora nebuloso, ma con una certezza: si sta lavorando per creare i presupposti per dare continuità al progetto di rilancio della squadra rossoblù. E questo è un fatto confortante anche perchè non era scontato dopo la delusione dei play off.



E questo è un fatto confortante anche perchè non era scontato dopo la delusione dei play off. Società. Antonello Lorenzoni ha ribadito la volontà di continuare, anche da solo, soprattutto se ci sarà il ripescaggio in serie D. Più difficile, ma non da escludere, se sarà ancora Eccellenza. Restano in piedi le trattative sugli assetti societari. Lorenzoni conferma che esiste una cordata che vorrebbe rilevare la società in toto e un altro gruppo di imprenditori sassaresi disponibile a dare una mano. Il presidente sta valutando, ma francamente è difficile credere che esca completamente di scena. Più probabile l’accordo per allargare la dirigenza. Forse in settimana ne sapremo di più. Ripescaggi. È il nodo cruciale. La scorsa settimana il presidente presidente l’ha trascorsa facendo la spola tra la Figc nazionale e regionale. Contatti per individuare come muoversi e superare gli ostacoli tra la Torres e il ripescaggio. La sensazione è che si stiano aprendo prospettive confortanti. Una prima risposta arriverà dall’accoglimento o meno del ricorso che la Torres ha presentato per far modificare la tabella dei punteggi per quanto riguarda le penalizzazioni. La Federcalcio sarebbe orientata a correggere un macroscopico errore che penalizzerebbe in maniera abnorme la società. Se sarà così, il punteggio della Torres si assesterebbe intorno ai trenta punti con buone possibilità per il ripescaggio. Ma si guarda anche al 30 giugno. Quel giorno la Lega Pro deciderà se anticipare o meno la riforma dei campionati con l’organico ridotto a 75 squadre. Se così fosse aumenterebbero le difficoltà di ripescaggio, ma è accreditata l’ipotesi che ci sarà un rinvio di un anno. Squadra. Anche se non sa ancora quale sarà la categoria, il presidente Lorenzoni sta sicuramente lavorando alla ricostruzione della nuova Torres. Intanto ha congedato Gugliemo Bacci ringraziandolo per il buon lavoro fatto nel suo breve soggiorno a Sassari. Non sarà certo lui il nuovo allenatore della Torres. Liberati anche il preparatore atletico Alessandro Masotti e quello dei portieri Gian Carlo Peana che possono trovare altre sistemazioni ma che potrebbero avere ancora qualche possibilità di rimanere. Lorenzoni ha anche salutato e ringraziato i giocatori. Della rosa della passata stagione, oltre a tutti i giovani, saranno davvero pochi i confermati. Si parla infatti dei soli Deliperi, De Carlo e Cristian Sias. Anche Davide Boncore non farà più parte della squadra sassarese. Domani ritorna in Sicilia e ringrazio tutti per l’accoglienza che ricevuta felice di «aver vissuta questa bella esperienza a Sassari». Ma potrebbe ritornare in Sarvisto che è stato contattato da alcune società isolane. Sull’allenatore il tace. Ma sono due i mister più accreditati: Bernardo Mereu e Mauro Giorico. Il primo potrebbe essere il tecnico di una Torres che programma il ritorno tra i professionisti in tre anni, il secondo se sarà ancora Eccellenza.

Daniele Doro - La Nuova Sardegna





Questo Articolo proviene da Torres1903.com
http://www.torres1903.com

L'URL per questa storia è:
http://www.torres1903.com/modules.php?name=News&file=article&sid=4365