La Torres si consola: troppa iella, passerà
Data: Martedì, 29 ottobre @ 08:06:37 CET
Argomento: Rassegna stampa


Per ottancinque minuti ha sperato di tornare a casa con i tre punti. La Torres li avrebbe meritati per il numero di occasioni create, per l’intensità del gioco e, non ultimo, per il carattere fatto vedere dalla squadra. Gli ultimi cinque (più il recupero) si sono trasformati in un film dell’orrore.



Un rigore fischiato contro (per fortuna parato da Trini), tre espulsioni e una sbandata generale da fare invidia al comandante Schettino e all’equipaggio della Concordia. I rossoblù hanno salvato lo 0-0 e nel dopo partita sono sembrati perfino soddisfatti di aver messo le mani su un punto. La pensa così anche il vicepresidente Filippo Salaris che ha rischiato l’infarto in tribuna. «Visto come sono andate le cose - racconta - il pareggio ci va anche bene. Credo che abbia ragione l’allenatore Marco Cari quando dice che è un punto guadagnato». Tre espulsioni e un rigore. Che cosa è successo alla Torres? «Il rigore e l’espulsione del portiere ci stavano. Non capisco le altre. Però non do tutte le colpe all’arbitro. Bonvissuto e Cabeccia dovevano stare più attenti. Suprattuto il bomber. Non so che cosa abbia detto al’arbitro ma è la seconda volta quest’anno che si fa buttare fuori per proteste. Un giocatore esperto com’è lui non dovrebbe ripetere certi errori. Anche perchè adesso siamo nei guai per domenica». Non crede che anche le tre espulsioni di domenica siano il frutto di una mancanza di tranquillità complessiva? «Forse sì, anche se i ragazzi mi sembrano più sereni rispetto al passato. Tolti i cinque minuti finali la Torres ha giocato decisamente meglio del Castiglione. Ha creato tre o quattro occasioni e si è battuta con coraggio». Il migliore dei rossoblù? «Non mi piace fare graduatorie ma segnalo il bel debutto di Migani. Abbiamo un bel portiere che ha fatto vedere di avere carattere e sicurezza». E il difetto? «Purtroppo fatichiamo in zona gol. Bonvissuto non riesce a sbloccarsi e non è aiutato dalla fortuna. Adesso abbiamo preso Essabr , un ragazzo di cui tutti parlano molto bene. A Castiglione ha giocato poco per esprimere un giudizio ma io credo che ci darà una mano importate». Domenica ci aspetta un altro spareggio. «Domenica dobbiamo vincere. Non possiamo regalare altri punti».

La maglietta vecchia non aiuta
Domenica la Torres è scesa in campo con le magliette utilizzate nella stagione 2006-2007 (gestione Mascia-Costantini). Il motivo? Serviva una divisa completamente bianca e il magazziniere non ha trovato di meglio.

Antonio Ledà- La Nuova Sardegna





Questo Articolo proviene da Torres1903.com
http://www.torres1903.com

L'URL per questa storia è:
http://www.torres1903.com/modules.php?name=News&file=article&sid=5659