Capitani chiede scusa ai tifosi per la Torres
Data: Martedì, 29 ottobre @ 20:36:30 CET
Argomento: Rassegna stampa


«Non posso che chiedere scusa ai tifosi, alla piazza per quello che sta succedendo, a tutti». Sconfortato, desolato, avvilito. Il presidente Domenico Capitani fatica a trovare una spiegazione per il campionato deludente della Torres che resta nei bassifondi del girone A della Secona divisione.



La doppia trasferta contro le ultime della classe ha prodotto la sconfitta col Bra e un pareggio col Castiglione che è rimasto tale solo per il rigore neutralizzato dal portiere Trini. La squadra rossoblù è a quota 7 punti dopo nove giornate, a -6 dall'ottavo posto dove alloggia il Renate, a -4 dal dodicesimo che garantisce almeno gli spareggi (a quattro) per l'ultimo accesso alla serie C unica. L'arrivo del tecnico Marco Cari al posto di Fulvio D'Adderio non ha prodotto la svolta attesa: un solo punto in due partite. La squadra sassarese continua ad essere in credito con fortuna e arbitraggi. Col Castiglione il direttore di gara ha ignorato un rigore per la Torres e nel finale ha espulso con decisione severa, sia il difensore Cabeccia che la punta Bonvissuto. Entrambi salteranno la sfida salvezza di domenica al Vanni Sanna contro il Bellaria Igea Marina, formazione appaiata ai sassaresi, che ha incassato quattro sconfitte di fila. Tanto che la società è decisa a esonerare il tecnico Alfonso Pepe. Il decimo turno rappresenta una sorta di ultima chiamata per i rossoblù affidati a Cari, non tanto perché poi non ci sia il tempo per recuperare (mancherebbero altre 24 partite) quanto perché solo una vittoria può allontanare la pesante cappa del fatalismo e ridare slancio ad una Torres che non vede luce in fondo al tunnel.
Capitani, perché non c'è la svolta?

«Non lo so, abbiamo fatto di tutto, la realtà la conoscete. Non è certo una situazione che meritano i tifosi, Sassari e il sottoscritto. Non posso che scusarmi per quello che accade, anche se...».
Anche se?

«Mi sarei aspettato che chiedessero scusa i giocatori ma non lo hanno fatto. Lo faccio io».
Squadra inadeguata alla Seconda Divisione?

«Dare la colpa a chi ha fatto la campagna acquisti non ha senso. Ci avevano criticato anche per l'arrivo del secondo portiere Migani e domenica ha fatto un'ottima partita».
E allora, cosa non funziona, questione di motivazioni?

«Mi hanno detto che col Castiglione i giocatori hanno lottato come non mai, hanno dato l'anima, però stavamo per perdere. All'inizio c'erano le giustificazioni di una squadra nuova, che doveva trovare l'intesa e la condizione, adesso queste giustificazioni non esistono più. Ma i dettagli spettano ai tecnici».
Preoccupato? Pensa che l'obiettivo di entrare nelle prime otto sia sempre più lontano?

«Preoccupato no, dispiaciuto per quello che sta succedendo sì».
La settimana scorsa avete ingaggiato l'attaccante Essabr, sono in arrivo altre novità?

«Non credo, obiettivamente sul mercato non c'è molto altro. Non possiamo fare altro che aspettare la riapertura delle liste a gennaio».

Giampiero Marras- L'Unione Sarda





Questo Articolo proviene da Torres1903.com
http://www.torres1903.com

L'URL per questa storia è:
http://www.torres1903.com/modules.php?name=News&file=article&sid=5662