Due gol nel finale e la Torres fa festa
Data: Lunedì, 22 gennaio @ 08:35:57 CET
Argomento: Rassegna stampa


La vendetta è un piatto che si serve freddo e la Torres ha aspettato ben 91 minuti prima di violare la porta di Antonio Secchi e lasciare di ghiaccio Stefano Udassi, mister sassaresissimo dello Stintino. Match winner della gara è stato Sandro Scioni che ha fatto esplodere il Vanni Sanna trasformando un calcio di rigore al 42' della ripresa e trovando il raddoppio al 48' con un tocco di piatto su assist di Carlo Piga.



Va detto che i rossoblù non hanno rubato nulla anche se sono stati aiutati da uno Stintino che ha giocato metà partita con un uomo in più ma non ha mai dato l'impressione di poter far sua la gara. Comprensibile, al fischio finale, la delusione di Udassi e la gioia di Pino Tortora.I due mister hanno giocato - entambi - la carta della sorpresa. Tortora ha tenuto fuori Chelo e ha schierato come prima punta Sarritzu con Spinola a sinistra e Diouf a destra. Questo ha permesso all'allenatore rossoblù di rinforzare il centrocampo utilizzando tre giocatori di esperienza come Mannoni, Scioni e Piga. Udassi ha risposto con la stessa moneta, rinforzando la mediana con Sias. In avanti si sono sistemati Doukar e Desole e alle loro spalle Delrio, Gianni, Sias e Carboni.La gara è cominciata bene per la Torres che per una decina di minuti ha fatto la voce grossa arrivando per due volte vicina al gol: prima con un tiro cross di Spinola sul quale Diouf è arrivato con un attimo di ritardo e poi con una grande giocata di Spinola che si è liberato in area ma non ha trovato lo specchio della porta. Lo Stintino ha capito di doversi difendere e lo fatto con le armi a sua disposizione: una buona coppia di centrali, tanti muscoli e i polmoni di Roberto Sias, un ex che fatto di tutto per prendersi la scena. Alla mezz'ora l'episodio che ha cambiato il film della partita: Sias e Mannoni si sono scontrati sul filo del fallo laterale e il centrocampista della Torres ha allungato una manata all'avversario sotto gli occhi dell'arbitro. Inevitabile l'espulsione con i padroni di casa costretti a giocare per un'ora con un uomo in meno.Nel finale del tempo però sono stati ancora i rossoblù a sfiorare il vantaggio con un colpo di testa di Sarritzu che ha mandato la palla a sbattere sulla traversa e con una deviazione di Diouf che ha esaltato i riflessi di Secchi.Nella ripresa il ritmo è calato e la gara si è incattivita. Udassi ha capito che la sua squadra poteva osare qualcosa di più è ha buttato nella mischia altri due non molto amati dalla curva nord: Alessandro Cherchi e Patrick Ferreira. Le occasioni da rete però sono arrivate con contagoccie. Al 28' Tore Pinna e il palo hanno negato il gol a Gianni e al 34' Minutolo ha incornato male una punizione battuta la Spinola. Nel finale, quando ormai il risultato sembrava scritto, la fiammata rossoblù. Al 42' Sarritzu è entrato in area ed è stato stretto nella morsa tra Manunta e Sini. Il primo ha allungato il piede e l'arbitro non ha avuto esitazione nell'assegnare il rigore. Sul dischetto si è presentato Scioni che ha mandato la palla a sinistra e il portiere a destra. Udassi non ha fatto neanche in tempo a sedersi in panchina che è arrivato il raddoppio. Spinola ha controllato un pallone a centrocampo e ha lanciato Piga in profondità. Il centrocampista è entrato in area e ha pescato Scioni che aveva seguito l'azioni. L'eroe della domenica non ha sbagliato ed è poi corso a festeggiare la sua doppietta sotto la curva. Per la Torres i tre punti sono fondamentali in attesa di un'altra partita delicatissima in casa del Sorso.

Euforia rossoblù: «Una vittoria meritatissima»
C'è grande soddisfazione nei ragazzi rossoblù, che si sentono artefici di un'impresa. Tale è stata la vittoria sullo Stintino e lo dichiara subito Stefano Sarritzu: «Siamo stati bravi, giocando un'ora in inferiorità numerica abbiamo dimostrato un gran carattere, credendoci sempre, e il risultato benchè sofferto è meritatissimo. Questa Torres ormai è una squadra diversa, ha capito che ci vuole grinta per andare avanti». Dall'analisi generale ai dettagli. «L'espulsione di Mannoni - dice l'attaccante - è stata esagerata, se il metro di giudizio era quello i cartellini rossi dovevano essere di più. Primo tempo troppo spigoloso? Non so perchè, forse il motivo sta nella voglia di vincere delle due squadre». Non più esterno destro ma schierato al centro, Sarritzu commenta così la novità: «Non è il massimo per sfruttare al meglio le mie qualità ma in quel ruolo ci giocavo da ragazzino e anche se non ho brillato credo di essermela cavata, io sono contento».L'attenzione si sposta sul rigore conquistato nel finale, dopo averne reclamato una mezza dozzina. «Era sacrosanto e secondo me ce n'era anche un altro evidente. L'ho procurato - conclude Sarritzu - ma non battuto perchè ormai il primo rigorista è Scioni».Eccolo il bomber di giornata, che dopo aver segnato dal dischetto ha concesso subito il bis. Il centrocampista non si esalta e resta ancorato alla realtà. «Finalmente i nostri sforzi sono stati premiati. Abbiamo dominato anche con un uomo in meno, rispetto agli avversari fisicamente stavamo meglio e avevamo più fame di vittoria. Il mister mi ha scelto per battere i rigori - prosegue - perchè resto calmo e lucido,. Ora sono a quota 5 reti in campionato e sono già oltre la mia solita media. Non è però una sorpresa, visto che non mi limito all'interdizione ma vado più spesso al tiro, cercando a sfruttare ogni opportunità». Per Carlo Piga, debilitato da giorni di febbre ma generoso come sempre in campo, «per migliorare mancano solo tranquillità e un po' di fortuna». Visibilmente deluso invece Marco Carboni, voce degli stintinesi: «Non siamo stati capaci di sfruttare la superiorità numerica, potevamo fare molto di più ma non avevamo lo stesso spirito dei rossoblù. Non è vero che siamo appagati dal buon girone d'andata, siamo solo in un momento di difficoltà».

Tortora e Udassi: «Ha vinto la squadra che ci credeva di più»
«Finalmente questa Torres ha acquisito il carattere del suo presidente e del suo allenatore. Noi vogliamo vincere sempre e vogliamo soprattutto che la squadra si esprima con la determinazione che oggi ci ha permesso di vincere nonostante tutto». Pino Tortora è molto soddisfatto non solo della vittoria ma soprattutto della prestazione della sua squadra.«Non era una partita facile - dice ancora l'allenatore rossoblù - ed è stata complicata dall'espulsione di Mannoni che ci ha reso tutto molto più difficile. Siamo stati bravi e anche fortunati a non perdere la testa e a continuare a giocare perché l'inferiorità numerica poteva costarci cara. Credo che la vittoria sia più che meritata. Ed è anche un successo che conferma la crescita di questa squadra. Quelli conquistati oggi Sono tre punti che servono per la classifica ma anche e soprattutto per l'autostima. Adesso siamo più concreti di un mese fa e riusciamo a giocare un buon calcio. Sono soddisfatto anche per il carattere della squadra: sapevamo di dover buttare in campo il cuore e lo abbiamo fatto sino alla fine» Stefano Udassi è invece scuro in volto. La sconfitta non gli ha fatto certo piacere anche perché figlia di una prestazione non certo esaltante. «Non siamo stati all'altezza - dice il tecnico dello Stintino - certamente non è questo il mio Stintino e non è questa la gara che avevamo preparato. Abbiamo fatto molto poco e la Torres ha meritato di vincere. Il risultato è sostanzialmente giusto perché premia la squadra che ci ha creduto di più e che ha giocato con maggiore determinazione. Noi dopo un avvio di campionato esaltante adesso stiamo attraversando un momento di difficoltà. Ma il nostro torneo resta comunque positivo e sono convinto che ci riprenderemo perchè abbiamo le qualità per restare nelle zone alte della classifica».

Il tabellino:
TORRES: Pinna, Casu, Spanu, Scioni, Minutolo, Merenda, Sarritzu (45' st. Depalmas), Piga, Diouf, Mannoni, Spinola (49' st. Chelo). Allenatore Pino Tortora.
STINTINO: Secchi, Manunta, Tuccio, Sias (38' st. Mulas), Cardone, Delrio (24' st. Ferreira), Gianni, Doukar, Carboni (14' st. Cherchi), Desole (24' st. Viale). Allenatore Stefano Udassi.
ARBITRO: Giampiero Gatta di Sassari.RETI: 42' st. e 48' st. Scioni.
NOTE: ammoniti Pinna, Spanu, Scioni e Piga della Torres, Cardone, Gianni e Viale dello Stintino. Espulso Piga. Angoli 5-4 per la Torres. Recupero 4' e 4'. Terreno in buone condizioni, giornata fredda e ventosa. Spettatori poco più di un migliaio.

Antonio Ledà, Daniele Doro e Sandra Usai - La Nuova Sardegna





Questo Articolo proviene da Torres1903.com
http://www.torres1903.com

L'URL per questa storia è:
http://www.torres1903.com/modules.php?name=News&file=article&sid=7297